INDIAN WELLS (USA) (ITALPRESS) – Ancora tu. Come un anno fa, la corsa di Jannik Sinner al “BNP Paribas Open”, primo Atp Masters 1000 della stagione alle battute conclusive sul cemento dell’Indian Wells Tennis Garden, si ferma in semifinale e sempre per mano di Carlos Alcaraz: lo spagnolo, campione in carica, si aggiudica la sfida per 1-6 6-3 6-2 in due ore e 5 minuti complessivi di un match sospeso a lungo per pioggia e difende, almeno per il momento, la seconda piazza del ranking dall’assalto dell’azzurro. Ed è anche il primo Top 5 a battere l’altoatesino sul duro in rimonta, dopo aver perso il primo set, dal 2020 quando ci riuscì Daniil Medvedev negli ottavi a Marsiglia. “Tutte le partite con Jannik sono speciali, contro di lui devo sempre dare il 100%” – ha ammesso Alcaraz, diventato 20 anni e 316 giorni il giocatore più giovane a vincere 11 partite di fila a Indian Wells, al termine della sfida con Sinner – Sono stato forte mentalmente ed è molto importante. Devi esserlo se vuoi vincere questo tipo di partite contro un avversario che sta giocando un tennis incredibile. Sono davvero molto felice di tornare in finale, soprattutto in questo torneo”. Sinner, numero 3 Atp e del tabellone, adesso sotto 5-4 nei precedenti con lo spagnolo dopo che si era aggiudicato gli ultimi due match (in semifinale a Miami e poi a Pechino lo scorso anno), incassa così la prima sconfitta in questo 2024 dopo 16 vittorie di fila (19 considerando anche Davis Cup Finals 2023) che gli sono valse lo storico successo agli Australian Open e il titolo a Rotterdam. Alcaraz attende ora per riconfermarsi re di Indian Wells, in un remake della finale 2023, il russo Daniil Medvedev, n.4 del ranking mondiale e del torneo, che nella seconda semifinale ha piegato lo statunitense Tommy Paul (17) in rimonta e in tre set per 1-6 7-6(3) 6-2.
– Foto Ipa Agency –
(ITALPRESS).

Previous articleSorsi di benessere – Ecco un’alternativa alla maionese fatta in casa
Next articleMattarella all’Altare della Patria per Giornata dell’Unità Nazionale