ROMA (ITALPRESS) – “Chiediamo un rinvio dell’applicazione del nuovo nomenclatore tariffario in virtù delle considerazioni, ormai condivise da tutti, che queste nuove tariffe sono totalmente inadeguate al sostenimento di costi di produzione e di gestione delle strutture sanitarie pubbliche e private. Questo determinerebbe un collasso totale dell’assistenza territoriale specialistica per tutti i cittadini italiani”, ha detto Luca Marino, vicepresidente sezione sanità Unindustria.
xb1/ads/mrv
Previous articleFocus ESG – Episodio 23
Next articleNasce FS Park, Lebruto “Nuovi parcheggi con tutti i servizi”