PALERMO (ITALPRESS) – “La formazione è l’elemento principale che caratterizza questa nuova fase della sanità siciliana. Il gap è solamente culturale, tutte le infrastrutture, ad esempio sulla telemedicina, sono disponibili, manca la consapevolezza, la conoscenza e la competenza. In questo il ruolo del Cepfas credo sia molto importante: formare tutta la classe dirigente e sanitaria della regione”. Così Roberto Sanfilippo, direttore Cepfas, a margine del convegno, “E-Health: Innovazione e Sviluppo. Interventi per migliori infrastrutture e contenimento della migrazione sanitaria nel Mezzogiorno”, organizzato dall’associazione I Sud del Mondo e che si è svolto a Palermo. “I nostri numeri – sottolinea – sono importanti, nell’ultimo anno abbiamo fatto oltre 100 corsi di formazione accreditati ECM e addirittura oltre 300 in termini complessivi. Ma la cosa fondamentale è il numero di soggetti che fanno parte del sistema sanitario regionale, che sono circa 20 mila, quindi formarli tutti sarà un’impresa. A tal proposito, mi preme sottolineare che il Cepfas formerà sulle infezioni ospedaliere 27.530 unità di personale della Regione Siciliana grazie al PNRR. Credo che questo governo regionale stia investendo molto sul Cepfas”. xd6/vbo/gtr
Previous articleIl Presidente Mattarella inaugura la mostra “Napoli Ottocento”
Next articleSajeva “La Sicilia molto presto erogherà servizi di telemedicina”