Rolex Oyster Perpetual Deepsea Challenge, l’orologio subacqueo che si spinge oltre i limiti

da | 29 Dic 2022 | Lifestyle, Orologi

Il regista ed esploratore James Cameron ha recentemente svelato l’Oyster Perpetual Deepsea Challenge. Ispirato all’orologio sperimentale che lo ha accompagnato il 26 marzo 2012 durante la sua storica immersione nella fossa delle Marianne (fino a –10.908 metri), il Deepsea Challenge scrive un nuovo capitolo della storia degli orologi subacquei proposti da Rolex. Il segnatempo, garantito impermeabile fino a 11.000 metri di profondità, realizzato in titanio RLX e dotato della valvola per la fuori-uscita dell’elio e del sistema Ringlock, è in grado di accompagnare qualsiasi tipo di immersione, in acque libere, in sommergibile o in camera iperbarica. È un orologio progettato per trasformare la pressione in un’alleata, in qualsiasi circostanza, ma è anche un appello ad ampliare le nostre conoscenze in materia di ambienti sommersi.

Oyster Perpetual Deepsea Challenge, garantito impermeabile fino a 11.000 metri di profondità

Tutto il know-how di Rolex al servizio di un orologio subacqueo d’eccezione

Il Deepsea Challenge, l’orologio dei grandi fondali per eccellenza, è un segnatempo subacqueo dalle qualità inedite, progettato per resistere alle pressioni estreme. Diversi anni di ricerca sono stati necessari per raccogliere le sfide che ne accompagnavano la realizzazione, sia orologiere che industriali.

Mentre l’orologio sperimentale del 2012 era stato fissato al braccio articolato del sommergibile di James Cameron, il Deepsea Challenge è stato progettato per essere indossato al polso. Dalla fabbricazione della cassa a quella del bracciale, tutto è stato pensato in vista di un utilizzo quotidiano di questo esemplare di 50 mm di diametro. Un successo orologiero reso possibile dall’utilizzo di una lega di titanio grado 5 selezionata da Rolex, il titanio RLX. Grazie a questo metallo robusto e particolarmente leggero, il peso è stato ridotto del 30% rispetto all’orologio sperimentale del 2012. Per conferire proporzioni ergonomiche e un’estetica armoniosa al nuovo esemplare, alcuni componenti sono stati modificati, in particolare il vetro che è stato reso più sottile. Il Deepsea Challenge si distingue dagli altri orologi Professionali per la satinatura particolarmente marcata e per gli spigoli delle anse lucidi. I sistemi di allungamento del bracciale, il sistema Rolex Glidelock e le maglie Fliplock, permettono di indossare l’orologio sopra una muta da sub fino a 7 mm di spessore.

Oyster Perpetual Deepsea Challenge, il sistema Rolex Glidelock e le maglie Fliplock

Il Deepsea Challenge è un concentrato del vasto know-how di Rolex nell’ambito degli orologi subacquei e integra tutte le principali innovazioni che la manifattura ha sviluppato nel corso degli anni: il sistema Ringlock, ossia un’architettura della cassa brevettata che permette a quest’ultima di resistere a pressioni colossali; la valvola per la fuoriuscita dell’elio che serve a far fuoriuscire, durante le fasi di decompressione in camera iperbarica, la pressione interna in eccesso che può compromettere l’integrità dell’orologio; la corona Triplock che prevede tre zone impermeabili; e la visualizzazione Chromalight che si distingue per la sostanza luminescente che garantisce una leggibilità ottimale e di lunga durata. Per testare l’impermeabilità di ogni singolo orologio Deepsea Challenge, Rolex ha appositamente messo a punto, grazie alla partnership con Comex (Compagnie Maritime d’Expertises), una cisterna ad altissima pressione in grado di imprimere una pressione di test equivalente a quella presente a 13.750 metri di profondità.

Nel cuore della cassa Oyster batte il calibro 3230, interamente sviluppato e prodotto da Rolex. Questo movimento automatico, quintessenza della tecnologia, integra diversi elementi brevettati: lo scappamento Chronergy e la spirale Parachrom insensibili ai campi magnetici, e il dispositivo antiurto Paraflex. Grazie all’architettura del bariletto e al rendimento superiore dello scappamento, il calibro 3230 garantisce una riserva di carica di circa 70 ore. Come tutti gli orologi Rolex, certificati Cronometro Superlativo, il Deepsea Challenge vanta una precisione cronometrica nell’ordine di –2 /+2 secondi al giorno.

Un omaggio agli esploratori degli abissi

Il Deepsea Challenge reca la dicitura “Mariana Trench” e le date “23-01-1960” e “26-03-2012” incise sul fondello. Un omaggio alle due storiche immersioni nella fossa delle Marianne: quella dell’oceanografo Jacques Piccard e del luogo-tenente della marina americana Don Walsh a bordo del Trieste, nel 1960, e quella di James Cameron, che nel 2012 si era immerso in solitaria a bordo del DEEPSEA CHALLENGER. A bordo di entrambe le spedizioni vi erano orologi sperimentali Rolex.

Oyster Perpetual Deepsea Challenge, incisione sul fondello

Rolex: l’ossessione dell’impermeabilità

Sin dalle origini, il tema dell’impermeabilità rappresenta un pilastro fondamentale del know- how di Rolex in orologeria. Nel 1926, infatti, il Marchio presenta la cassa Oyster totalmente ermetica grazie al sistema di lunetta, fondello e corona di carica avvitati sulla carrure. Da quasi un secolo Rolex mette a punto sistemi che raggiungono prestazioni sempre maggiori, come le corone Twinlock e Triplock e il sistema Ringlock, per proteggere l’interno dei suoi orologi.

Per soddisfare le esigenze dei professionisti delle immersioni subacquee, Rolex propone il Submariner nel 1953, a quel tempo garantito impermeabile fino a 100 metri di profondità e oggi fino a 300 metri. Nel 1967, Rolex presenta il Sea-Dweller, un orologio subacqueo dotato di valvola per la fuoriuscita dell’elio e garantito impermeabile fino a 610 metri, poi fino a 1.220 metri di profondità. Il Rolex Deepsea, lanciato nel 2008, è un orologio in grado di raccogliere le sfide delle grandi profondità e, grazie al sistema Ringlock, può resistere alla pressione presente a 3.900 metri sotto la superficie. Con l’Oyster Perpetual Deepsea Challenge e la sua impermeabilità garantita fino a 11.000 metri, gli abissi si aprono a nuovi orizzonti.

Potrebbe interessarti anche: