ROMA (ITALPRESS) – Il gruppo Webuild ha chiuso il 2023 con risultati a doppia cifra. I ricavi hanno raggiunto i 10 miliardi di euro, in crescita del 22% rispetto all’esercizio precedente. L’utile netto è raddoppiato, e ha toccato i 236 milioni. Il margine operativo lordo è stato di 819 milioni, con un incremento del 43%. Il consiglio di amministrazione del gruppo ha approvato il bilancio consolidato e il bilancio d’esercizio.“Abbiamo ulteriormente consolidato il percorso di sviluppo avviato nel 2012, con risultati ai massimi storici resi possibili da una strategia chiara e consistente, supportata dai mega trend strutturali a livello globale che stanno dando un forte impulso agli investimenti in infrastrutture”, sottolinea una nota del gruppo. Il Cda ha proposto all’assemblea un dividendo di 0,071 euro per azione ordinaria, in crescita del 25% rispetto al 2022, e di 0,824 euro per azione di risparmio. “Webuild si è dimostrata anticiclica – afferma il direttore generale Massimo Ferrari – abbiamo battuto la crescita del pil di tutti i Paesi in cui operiamo, sovraperformando i nostri concorrenti”
abr/gtr
Previous articleLa riforma fiscale ai blocchi di partenza
Next articleIn 120 a Roma per i titoli juniores di Pesisitica Olimpica