TORINO (ITALPRESS) – “Si tratta di un progetto che abbiamo avviato con 75 referenti che sono stati l’asse di congiunzione delle specificità tra territorio e professione. Abbiamo fatto delle azioni correttive tramite la formazione a distanza sulla nostra piattaforma digitale che sono state usufruite da 19 mila dei nostri iscritti, cosa che ci convince a riproporle per il 2024. Abbiamo deciso di elaborare questi dati anche per singole professioni e oggi ne abbiamo presentato i risultati”. Lo ha detto Giovanni De Biasi, consigliere Comitato centrale FNO TSRM e PSTRP con delega all’equità tra i generi, a margine della presentazione a Torino del progetto “SeGeA – Sex gender approach”.
xb4/mgg/gtr
Previous articleMedicina di genere, Calandra “Serve più formazione”
Next articleParità genere, Balbino “Alcune realtà professionali lontane da trend”