TORINO (ITALPRESS) – “L’analisi dei dati ci ha permesso di capire qual è la realtà di ciascun professionista sulla questione dell’equità e sulla medicina di genere. La diversificazione dei dati ci ha permesso di scoprire che ci sono delle realtà professionali che si discostano dal trend generale”. Lo ha detto Deborah Balbino, referente progetto SeGeA per le professioni sanitarie, a margine della presentazione a Torino del progetto “SeGeA – Sex gender approach” promosso dalla Federazione nazionale degli Ordini delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (FNO TSRM e PSTRP),
xb4/mgg/gtr
Previous articleParità genere, De Biasi “Azioni correttive con formazione a distanza”
Next articleMattarella a proiezione copia restaurata “Fratello sole, sorella luna”