ROMA (ITALPRESS) – “Il Mes è stato concepito in un quadro di profonda incertezza economica, fu creato con un trattato nel 2012 e l’Italia aderì per permettere il salvataggio di economie in crisi. Si tratta quindi di uno strumento legato a un preciso contesto storico oggi profondamente mutato”. Lo ha detto il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani, nel corso del Question time alla Camera.
“L’obiettivo oggi è quello di dotare l’Unione Europea dei mezzi necessari per fronteggiare le sfide attuali – ha aggiunto -. Lo stesso Mes non può più essere uno strumento emergenziale, deve darsi una vocazione, servono cambiamenti più strutturali. Serve una riforma più ambiziosa, un’indebita accelerazione potrebbe rilevarsi controproducente”.

– foto Agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).

Previous articlePharmaguida firma l’accordo per acquistare la Ternana
Next articleMes, Gentiloni “Discutere l’utilizzo non escluda la ratifica”