CATANIA (ITALPRESS) – La droga messa in un cesto legato a una corda, poi salito fino a casa del capo di una banda di pusher. E’ una tecnica di rifornimento scoperta dagli agenti della Polizia di Stato che hanno eseguito 41 misure cautelari, a Catania. Circa 300 poliziotti sono stati impegnati nell’esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale etneo, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nell’ambito dell’operazione denominata “Locu”. Gli indagati devono rispondere, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, in quanto indicati come appartenenti al clan Cappello-Bonaccorsi, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, porto e detenzione di armi da fuoco, spaccio di vari tipi di droga: cocaina, crack, marijuana e hashish. In particolare, è stata documenta la gestione di una grossa “piazza di spaccio” operante nella città di Catania. vbo
(fonte video Polizia di Stato)
Previous article“Dipendenze e Salute Mentale nello Sport” a UniTrento
Next article“Vampe” di San Giuseppe, scene di guerriglia a Palermo