ROMA (ITALPRESS) – “Siamo in un tempo di colonizzazioni ideologiche mediatiche e di conflitti laceranti; una globalizzazione omologante convive con tanti localismi chiusi. Questo è il pericolo del nostro tempo. Anche la Chiesa può risentirne. Il conflitto può agire sotto una finta pretesa di unità; così le divisioni, le fazioni, i narcisismi. Abbiamo bisogno che il principio dell’armonia abiti di più il nostro mondo e cacci via l’uniformità. Voi artisti potete aiutarci a lasciare spazio allo Spirito”. Così Papa Francesco durante l’incontro di questa mattina con gli artisti nella Cappella Sistina. “Voi artisti, allora, avete la capacità di sognare nuove versioni del mondo. E questo è importante: la capacità d’introdurre novità nella storia. In ciò siete chiamati a sottrarvi al potere suggestionante di quella presunta bellezza artificiale e superficiale oggi diffusa e spesso complice dei meccanismi economici che generano disuguaglianze”, ha aggiunto.
“Quella bellezza non attira, perchè è una bellezza che nasce morta. Non c’è vita lì, non attira. E’ una bellezza finta. Voi vi tenete distanti da questa bellezza, la vostra arte vuole agire come coscienza critica della società, togliendo il velo all’ovvietà. Volete mostrare quello che fa pensare, che rende vigili, che svela la realtà anche nelle sue contraddizioni, nei suoi aspetti che è più comodo o conveniente tenere nascosti. Come i profeti biblici, ci mettete di fronte a cose che a volte danno fastidio, criticando i falsi miti di oggi, i nuovi idoli, i discorsi banali, i tranelli del consumo, le astuzie del potere”, ha osservato Papa Francesco. Poi, chiudendo l’incontro, il Santo Padre ha voluto rivolgere agli artisti un appello: “Vorrei chiedervi di non dimenticarvi dei poveri, che sono i preferiti di Cristo, in tutti i modi in cui si è poveri oggi. Anche i poveri hanno bisogno dell’arte e della bellezza. Alcuni sperimentano forme durissime di privazione della vita; per questo, ne hanno più bisogno. Di solito non hanno voce per farsi sentire. Voi potete farvi interpreti del loro grido silenzioso”.
(ITALPRESS).
-foto agenziafotogramma.it-

Previous articleIntesa Sanpaolo, a Bari un progetto per i giovani detenuti
Next articleCovid, la qualità dell’aria pesa sul rischio di infezione