PALERMO (ITALPRESS) – “Il tema è quello delle infrastrutture, del potenziamento della digitalizzazione: a cominciare dalla telemedicina, dal fascicolo sanitario, dal collegamento del Dipartimento di assistenza di primo e secondo livello, fino al teleconsulto per dare uno spazio di agibilità e adeguatezza delle prestazioni anche rispetto ai pazienti che insistono in area disagiate o nelle isole minori. E’ un momento di confronto serio sulle prospettive del PNRR. Noi come Regione siamo avanti con le progettualità che riguardano le case di comunità e gli ospedali di comunità e anche – a breve – le centrali operative territoriali saranno rese attive e funzionanti, che sono il sistema di riferimento sotto il profilo tecnologico per veicolare le informazioni e avere una sanità modernizzata e al passo con i tempi, capace di rispondere ai bisogni e alle esigenza da parte del cittadino”. Così Salvatore Iacolino, dirigente generale Dipartimento per la pianificazione strategica dell’assessorato alla Salute della Regione Siciliana, a margine del convegno, “E-Health: Innovazione e Sviluppo. Interventi per migliori infrastrutture e contenimento della migrazione sanitaria nel Mezzogiorno”, organizzato dall’associazione I Sud del Mondo e che si è svolto a Palermo. xd6/vbo/gtr
Previous articleSajeva “La Sicilia molto presto erogherà servizi di telemedicina”
Next articleCascio “Spinta Pnrr velocizza processo digitalizzazione della sanità”