ROMA (ITALPRESS) – Dal 2025 le cartelle esattoriali non riscosse entro 5 anni saranno cancellate automaticamente. E’ quanto prevede lo schema di decreto legislativo a cui ha dato il via libera il Cdm in prima lettura. Previsti piani di rateizzazione più lunghi, dalle attuali 72 fino ad un massimo di 120 rate mensili, per saldare i debiti con il Fisco. L’Agenzia delle entrate potrà anche procedere al discarico anticipato se rileva «la chiusura del fallimento o della liquidazione giudiziale o l’assenza di beni del debitore suscettibili di poter essere aggrediti».Previsti piani di rateizzazione più lunghi, dalle attuali 72 fino ad un massimo di 120 rate mensili, per saldare i debiti con il Fisco. Tra le novità anche l’arrivo di una commissione che dovrà studiare come smaltire ed eliminare l’enorme magazzino di cartelle non riscosse e la possibilità del fisco di inviare in una sola cartella, unificata dal codice fiscale, le richieste di pagamenti di più enti. E’ stato approvato in via definitiva il decreto delegato che attua la riforma dei giochi. Previsti maggiori incassi dalle concessioni e dal Lotto – con una gara da avviare subito e una base d’asta da un miliardo – ma anche il divieto di utilizzare il contante per i giochi on line.
mgg/mrv
Previous articleUe, all’Italia 1,1 miliardi per la svolta green
Next articlePerquisita la sede del Milan, indagati Furlani e Gazidis