NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Operazione primo posto completata. Dopo quattro mesi a inseguire, Denver si prende la vetta nella Western Conference grazie al successo per 100-88 su Miami: a prendersi la scena stavolta non sono nè Jokic (12 punti, 14 rimbalzi e 6 assist) nè Murray (14 punti), ma Porter jr (25 punti) e Gordon (16 punti), in quello che era il replay delle ultime Finals. I Nuggets confermano di aver cambiato marcia dopo la sosta per l’All Star Game: 10 vittorie in 11 gare. Gli Heat, al quarto ko di fila, conservano comunque l’ottava piazza a Est anche se vedono avvicinarsi Chicago, che piega all’overtime Indiana (132-129) grazie a 46 punti di DeRozan, compresa la tripla del sorpasso. Tornando alla Western Conference, la corsa per un posto diretto ai play-off vede Sacramento cogliere un importante successo ai danni di Lakers (120-107) con la 23esima tripla doppia di Sabonis (17 punti, 19 rimbalzi e 10 assist), 23 punti di Barnes e 21 di Fox: 4-0 dei Kings sui gialloviola nei confronti diretti di questa stagione. Per i Lakers 28 punti di Reaves, 22 di Davis, 18 di LeBron James. A proposito di triple doppie, si ferma a 7 consecutive Luka Doncic (21 punti), costretto a uscire nel finale per un fastidio muscolare, ma Dallas ha comunque la meglio su Golden State, priva di Curry e Green, per 109-99. Prosegue la striscia nei Mavericks di Gafford, che fa 5/5 dal campo: sono 33 i canestri consecutivi, a -2 dal record stabilito da Wilt Chamberlain nel 1967. New Orleans, nonostante 33 punti di Williamson, sbatte contro Cleveland, che ritrova Mitchell dopo 7 partite (14 punti) e grazie anche a un Garland da 27 punti e 11 assist vince 116-95, prendendosi il secondo posto nella Eastern Conference. Al quinto c’è Orlando, che trascinata da Banchero (21 punti) e con altri sei giocatori in doppia cifra supera 114-106 Brooklyn mentre Detroit, per la prima volta in quasi due anni, riesce a vincere tre partite su quattro: 113-104 su Toronto con un Duren dominante sotto canestro (24 punti e 23 rimbalzi). Fa il suo anche Simone Fontecchio: 12 punti anche se con 3/11 dal campo (2/7 da tre) e 4/4 ai liberi, 4 rimbalzi e tre palle perse in 38 minuti. A completare il quadro delle gare giocate nella notte i successi di Charlotte (110-98 su Memphis) e Portland (106-102 contro Atlanta, 36 punti di Simons e 33 punti e 19 rimbalzi di Ayton).
– foto Ipa Agency –
(ITALPRESS).

Previous articleTajani “Il terzo mandato non è nel nostro programma elettorale”
Next articleCaro voli, Aricò “Giornata storica per i viaggiatori siciliani”