MILANO (ITALPRESS) – “Si parla molto di transizione digitale e di sostenibilità, ma c’è un tema di fondo: il gap di competenze, lo skill shortage nel settore tecnologico delle Stem ma non solo. Quindi, la domanda che ci siamo posti è quella di comprendere realmente quali sono le competenze che debbano essere sviluppate al fine di cogliere le opportunità di queste rivoluzioni e al tempo stesso minimizzare gli effetti negativi della transizione”. A dirlo Paolo Boccardelli, Direttore del Centro di Ricerca in Strategic Change “Franco Fontana” dell’Università Luiss, parlando dei risultati della ricerca “Rethinking Competencies in Twin Transitions”, presentata a Milano da Intesa Sanpaolo. “I risultati della ricerca dell’Osservatorio Look4ward, che ha coinvolto un panel di 678 leader tra HR manager, Presidenti e A.D. di aziende di rilevanza globale, confermano che le imprese italiane condividono la consapevolezza circa gli effetti trasformativi che le mega-tendenze del digitale e del green avranno sui settori”, ha aggiunto.

xh7/fsc/mrv

Previous articleZambito Marsala (Intesa Sanpaolo) “Aziende chiedono IA e soft skills”
Next articleGiansanti “Serve una profonda revisione della Pac”