Best of 2022: G4D Tour (golf per disabili) – Parte prima

da | 28 Dic 2022 | Golf Disabili, News

Con sette tornei che si sono disputati sullo stesso campo e nella stessa settimana degli eventi del DP World Tour, la stagione inaugurale del G4D Tour ha creato una piattaforma globale per i golfisti disabili.

Rafforzando la collaborazione esistente tra il DP World Tour e la European Disabled Golfer Association (EDGA), la stagione 2022 ha visto sette tornei di due giorni in sei paesi diversi, protagonisti i migliori golfisti disabili del mondo.

Facendo seguito ai cinque eventi per golfisti disabili del 2021, la stagione inaugurale G4D si è svolta in quattro sedi, tra cui l’iconico Wentworth Club in Inghilterra.

La manifestazione si è conclusa con il G4D Tour Series Finale @ DP World Tour Championship nella settimana dell’ultimo evento delle Rolex Series del DP World Tour 2022 all’Earth Course di Jumeirah Golf Estates.

Mentre la stagione 2023 è già in corso, con Kipp Popert alla sua quinta vittoria G4D all’Australian All Abilities Championship @ ISPS HANDA Australian Open, ripercorriamo la stagione 2022 del G4D Tour…

Popert prevale nel play-off a The Belfry

Il primo evento del nuovo G4D Tour si è svolto a The Belfry all’inizio di maggio, in contemporanea con il Betfred British Masters organizzato da Danny Willett.

I principali golfisti del World Ranking for Golfers with a Disability (WR4GD) hanno visitato per la prima volta la storica struttura, una delle quattro nuove tappe in programma.

Kipp Popert è passato alla storia con una vittoria ai play-off contro Kurtis Barkley e Chris Biggins aggiudicandosi il titolo del G4D Tour @ Betfred British Masters ospitato da Danny Willett, dando il via a quella che sarebbe stata un’incredibile stagione.

L’inglese ha iniziato l’ultimo giro sull’iconico Brabazon Course con due colpi di distacco da Barkley, tuttavia, è riuscito a chiudere il giro a +1 totalizzando un +3, a pari merito con il canadese e l’americano Biggins.

In seguito all’eliminazione di Biggins alla prima buca supplementare a causa di un bogey, Popert, che ha studiato all’Università di Birmingham e ha tenuto lezioni a The Belfry, si è assicurato la vittoria con un bogey alla buca successiva.

Soddisfazione doppia per Popert in Germania

Successivamente, lo stesso mese, Popert ha collezionato due vittorie su due, in occasione del primo evento del G4D Tour in Germania, nella settimana del Porsche European Open.

Per il secondo evento consecutivo, è stato necessario un play-off per determinare il vincitore. Popert si è imposto su Brendan Lawlor, numero uno mondiale, sull’impegnativo Porsche Nord Course del Green Eagle Golf Courses.

In vantaggio di un colpo su Lawlor in vista della giornata finale, Popert ha messo a segno dei birdie alla 11, 13 e alla 17 per concludere a -1 insieme all’irlandese Lawlor, penalizzato da un bogey all’ultima buca.

Entrambi i giocatori hanno piazzato un birdie alla prima buca del play-off e poi un par alla 2, così da richiedere una terza buca, la 18, par 5.

Quando Lawlor incappò nell’acqua con il suo secondo colpo, per Popert si spalancò la porta verso il secondo titolo stagionale del G4D Tour.

Browne vince in Irlanda

Mike Browne ha interrotto il dominio di inizio stagione del collega inglese Popert con una vittoria di quattro colpi al G4D Tour @ Horizon Irish Open di fine giugno.

In seguito a un brillante 70 (-2) nella giornata di apertura al Mount Juliet Estate, Browne ha concluso l’evento con un 74 in par.

Lo spagnolo Juan Postigo Arce è stato il secondo migliore in classifica con due giri di 74 in Irlanda, mentre il debuttante del G4D Tour Bradley Smith si è piazzato al terzo posto a sette colpi dal leader.

Brown, settimo e quarto nei due eventi precedenti, ha avuto un inizio nervoso nel suo giro finale, facendo bogey in tre delle sei buche iniziali.

Di conseguenza il suo vantaggio di quattro colpi si è ridotto a uno solo, tuttavia ha reagito con due birdie alla 9 e alla 10 riprendendo il controllo della gara, per poi suggellare la vittoria che lo ha fatto sentire “in cima al mondo”.

Credit DP World Tour, Getty Images

Potrebbe interessarti anche: