BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – “Con la tecnologia digitale si può monitorare in modo puntuale per ogni singola auto l’effettivo impatto ambientale”. Lo dice Sergio Savaresi, direttore del Dipartimento Elettronica Informazione e Bioingegneria del Politecnico di Milano, a margine della presentazione a Bruxelles di un nuovo paradigma per la misurazione delle emissioni di CO2 delle auto private, da parte del The Urban Mobility Council (TUMC), il Think Tank nato nel 2022 su iniziativa del Gruppo Unipol.

xf4/sat/gtr

Previous articleMobilità green, Laterza “La transizione deve essere sostenibile”
Next articleAuto, Salini “Neutralità tecnologica per la mobilità sostenibile”