Antoine Rozner in vantaggio di due lunghezze con un superbo 68

da | 17 Dic 2022 | Tornei

Antoine Rozner è in vantaggio di due lunghezze nella terza giornata dell’AfrAsia Bank Mauritius Open, avendo concluso il terzo giro con un 68 in condizioni di brezza al Mont Choisy Le Golf.

Il francese si è ripreso brillantemente dai bogey alla buca 1 e alla 2, segnando sette birdie e un solo bogey nelle restanti 16 buche per portarsi a 14 sotto il par.

Rozner, sconfitto per un soffio da Rasmus Højgaard in uno spareggio in questo evento tre anni fa, ha conservato il meglio fino all’ultimo nel Moving Day, realizzando un meraviglioso tee-shot alla corta 17 e un birdie, prima di chiudere il suo giro con un ulteriore guadagno alla 18.

Il francese Julien Brun è al secondo posto con -12 dopo aver messo a segno sei birdie e un solo bogey nel suo terzo giro chiuso in 67, mentre il sudafricano Oliver Bekker è terzo a una lunghezza.

Il francese Pierre Pineau e il finlandese Sami Välimäki sono a pari merito al quarto posto con -10.

Rozner ha iniziato la giornata condividendo la leadership, scivolando con un bogey nelle due buche iniziali a -8.

Si è ripreso con uno straordinario birdie da lunga distanza alla buca 4, con la palla che ha colpito la bandiera e poi entrare in buca.

Il 29enne ha concluso una serie di birdie alla 5, recuperando un altro colpo alla 7 e portarsi a -11.

Ha droppato il terzo colpo della giornata alla 10, mentre ha messo a segno due birdie da distanza ravvicinata alla 12 e alla 13, per raggiungere la vetta della classifica a -12.

Rozner ha proseguito a concedersi buone occasioni di birdie sulle seconde nove, sebbene abbia dovuto attendere la corta 17 per ottenere il suo prossimo guadagno.

In seguito, dopo aver piazzato il suo tee-shot a pochi metri e aver messo a segno il putt, ha avuto una buona possibilità per un eagle alla 18, ma ha dovuto accontentarsi di un birdie in chiusura.

Rozner si è detto soddisfatto della giornata, considerando le condizioni difficili. Ha dichiarato: “È stata dura là fuori. Il vento soffiava molto più di ieri. Non è stato affatto facile”.

Il gioco lungo è stato difficile e il putt è stato ancora peggio, pensavo”.

Ho fatto un po’ di fatica. Ho concluso con un grande putt alla 4, che mi ha aiutato molto, e poi ho fatto un birdie”.

E questo mi ha aiutato a far decollare il giro. Dopo di che è stato tutto molto regolare per la maggior parte del tempo. Avrei voluto fare un paio di buche in più alla fine, ma è così, e manca ancora un giro alla conclusione della gara”.

Sento di aver perso molte opportunità, ma ho comunque chiuso a -4, e in quelle condizioni è abbastanza buono”.

Ciò mi aiuta per la fiducia che spero di poter sfruttare anche domani“.

Credit DP World Tour, Getty Images

Potrebbe interessarti anche: