Uno studio multicentrico internazionale coordinato dall’Ospedale San Raffaele ha dimostrato come la somministrazione continua o intermittente di meropenem, antibiotico utilizzato per la maggior parte delle infezioni da gram negativi, appartenente al gruppo delle beta-lattamine e inserito nella lista dei farmaci essenziali dell’OMS, non incida sulla prognosi dei pazienti. Lo studio getta nuova luce sulle politiche sanitarie da adottare per indirizzare risorse umane ed economiche in interventi di maggior efficacia.
mrv
Previous articleA Trieste apre il nuovo centro Innovation Hub di Bat Italia
Next articleEstate calda per il turismo, boom degli stranieri