Da venerdì 27 a domenica 29 ottobre, Mondovì è diventata la capitale delle eccellenze del territorio, per la prima edizione di “Colori delle Alt(r)e Langhe, il festival del cibo e del vino del monregalese ideato dal direttore artistico Anna Prandoni, giornalista ed esperta di enogastronomia, con il supporto del consulente enologico ed esperto enologo Andrea Moser, decretato da Fortune uno dei quaranta personaggi under 40 in grado di fare la differenza nel mondo enologico italiano.

L’appuntamento, che è stato inaugurato con il taglio del nastro venerdì 27 ottobre alle 17:30 nell’ottocentesco Circolo Sociale di Lettura – alla presenza di Luca Robaldo, sindaco di Mondovì, e Alessandro Terreno, assessore Politiche giovanili, Manifestazioni, Sport e Impianti sportivi – si è inserito nel più ampio palinsesto di Calici&Forchette, insieme a Peccati di Gola & alla XXV Fiera Regionale del tartufo: confermato binomio dedicato alle eccellenze enogastronomiche del territorio monregalese e cuneese, che si terrà da sabato 28 ottobre a lunedì 1° novembre.

L’evento è stato patrocinato da Regione Piemonte, Comune di Mondovì, Ass. La Funicolare, Atl del Cuneese, Fondazione Crc, Intesa Sanpaolo e Banca d’Alba.

“Abbiamo lavorato per dare una spinta nuova alla manifestazione, nel solco della tradizione che – per primo – Gianni Ferrero aveva già iniziato a tracciare” ha affermato con convinzione il sindaco della città. “Mondovì si propone da sempre, con umiltà e determinazione, a interlocutore turistico di quelle tantissime persone che cercano la varietà delle nostre coltivazioni, la genuinità della nostra gente, la purezza delle nostre valli e la storia delle nostre contrade. Una offerta che non vuole essere alternativa ad altre già presenti, bensì arricchirle”.

La prima volta che ho visitato Mondovì sono rimasta estasiata dalla bellezza dei tanti luoghi storici, architettonici e museali della città” ha dichiarato il direttore artistico dell’evento Anna Prandoni. “Farli conoscere e vivere, proprio attraverso il racconto di cibo e vino, mi è sembrato un passaggio naturale. Valorizzare queste meraviglie e renderle fruibili ad un pubblico più ampio, portando nuovi visitatori e appassionati è l’ambizione che mi ha guidata nell’ideazione di questa prima edizione dell’evento. Da “straniera” in questa terra posso avere un occhio esterno che vede senza pregiudizi i tesori che questa città racchiude: ho il desiderio di farli conoscere proprio raccontandoli con la chiave che più mi rappresenta, quella legata all’enogastronomia. L’evento è stato un tuffo inconsueto nella città e nella tradizione del gusto piemontese”.

PROGRAMMA – 27 Ottobre 

  • Ore 15.00 / 17.00 – Agorà del cibo e del vino

Il festival è stato inaugurato alle 15 con il confronto Agorà del cibo e del vino, una doppia tavola rotonda tra i giovani under 40 del territorio su tematiche dell’enogastronomia come il lavoro o le opportunità di crescita.

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • Ore 17.30 – Mostra Light gardening by Giandomenico Frassi 

Dopo il taglio del nastro, fatto alla presenza di numerose autorità, tra cui il Sindaco di Mondovì, l’Assessore alle Politiche giovanili, Manifestazioni, Sport e Impianti sportivi, Luca Robaldo ha dato il benvenuto alla mostra Light gardening del fotografo milanese Giandomenico Frassi. Le patatine a fianco alla faccia di Cracco le ha fotografate lui.

Queste fotografie sono un ritrovamento fortuito, una epifania, un inciampo, un caso fortunato. Sono gli imprevisti risultati della mia sbadataggine. Hanno a che fare con l’elaborazione del lutto, con il ritrovare un ordine dove ordine e bellezza sfuggono. Là dove le parole falliscono il conforto. Una pila dell’irrigatore scarica, un inverno senza pioggia e senza cura hanno fatto morire alcune piante del mio terrazzo. Ho potato e scavato e ho trovato queste immagini”, dichiara l’autore.

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • 18.15 Amore e pastarelle. La brioche tra Milano, Napoli e l’innamoramento. Ospite Ester Viola

Un talk dedicato alla relazione tra il mondo del cibo e quello delle emozioni. Ha dialogato con Anna Prandoni, Ester Viola, avvocata che collabora con «Il Foglio», ha una posta del cuore su «iO Donna» e una newsletter, «Ultraviolet» e, per Einaudi, ha pubblicato diversi libri.

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • 18.30 – Aperitivo sulla Funicolare 

La funicolare di Mondovì collega fin dal 1886 la parte alta della Città, il borgo antico di Piazza e il rione di Breo posto ai piedi della collina. Ferma dal 1975, la nuova funicolare è ripartita nel 2006, tornando ad essere quel simbolo di collegamento caratteristico, mai dimenticato dai monregalesi.

Dall’alto del territorio Monregalese si è svolto un aperitivo diverso dal solito, con le bollicine di Alta Langa e i rossi di Dogliani, guidati dall’enologo Andrea Moser.

  • Ore 19.15 – Cena di Gala firmata da Giubbani *, Costardi, Ietto e Racca 

Nel Circolo Sociale di Lettura si è tenuta la Cena di gala, conviviale per 80 ospiti. Dopo l’aperitivo curato dal brand ambassador Gin Engine Leonardo Todisco, è stato il momento di assaggiare il menu messo a punto dagli chef Christian Costardi (Scatto, Torino), Jorg Giubbani (Orto by Jorg Giubbani*, Moneglia GE) e Antonio Ietto in cui il fil rouge è stata la valorizzazione degli ingredienti del territorio.

Se quest’ultimo ha firmato l’antipasto Uova alla Giolitti, ricetta tipica nata in onore del monregalese Giovanni Giolitti e presentata dalla storica dell’alimentazione Samanta Cornaviera, gli altri chef hanno servito rispettivamente il Carnaroli coniglio di Carmagnola, crema di formaggi piemontesi e riduzione di vino Barbera e la Coda di bue pressata, “marinara”, prezzemolo e limone. Sempre Ietto ha preparato anche il dolce Montebianco: Marroni, Cassis e Meringa. A chiudere la serata il maestro pasticcere Fabrizio Racca con il suo cremino, nocciola e gianduia.

In abbinamento ai piatti, non sono mancati i vini locali delle cantine Ceretto, Pio Cesare, Anna Maria Abbona, Moscato d’Asti – I Vignaioli di Santo Stefano e, al termine della cena, una degustazione di distillati dell’azienda Argalà (Boves CN), in abbinamento ai prodotti di Lim Chocolate (Fossano CN).

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

PROGRAMMA – 28 Ottobre 

  • Alle 14.00 – Tra tradizione e tutela del territorio 

L’amministrazione pubblica ha un forte ruolo nella tutela delle tradizioni di un territorio. Tradizioni che devono viaggiare verso il futuro, mantenendo radici e origini. E che devono essere in grado di diventare attrattiva per viaggiatori, imprese e cittadini.

Per l’occasione, hanno dialogato con Anna Prandoni: Luca Robaldo (sindaco di Mondovì), Vincenzo Bezzone (sindaco di Ceva), Roberto Salvatore (Sindaco di Salmour), Jorg Giubbani (chef), Paolo Dadone Marchisio (Stagionature Marchisio).

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • Dalle ore 15.00 alle 18.00 – Impara il vino con Andrea e Luca Moser 

Uno spazio pensato per imparare a conoscere il mondo del vino: a ogni ora è stato possibile fare una esperienza diretta di degorgement (in italiano sboccatura, tecnica utilizzata nella produzione di vini spumanti metodo classico) e una degustazione guidata per scoprire il mondo delle bollicine e dei vini del territorio, insieme ad esperti del settore ed enologi. A cura di Andrea Moser.

Dove: Portici Sottani (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • Ore 15.00 – Realtà di Piemonte 

Il Piemonte ha un ricco tessuto enogastronomico e sono tanti i giovani che stanno dando un contributo importante al settore. Un dialogo tra le aziende e i suoi protagonisti, in un territorio intriso di tradizione, ma che guarda con determinazione al futuro.

Per questo, hanno dialogato con Giulia Salis: Federico Dotto (Lim Chocolate), Leonardo Todisco (Gin Engine), Federica Boffa (Cantine Pio Cesare), Christian Costardi (Costardi Bros), Piero Nuvoloni (Argalà), Fabrizio Racca (maestro pasticcere).

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • Ore 16.00 – Tra narrazione e nuovi idoli: Tommaso Foglia, Sonia Peronaci, Samanta Cornaviera, Verdiana Ramina e Stella Bellomo

Il mondo digitale ha cambiato la narrazione sul cibo e sugli chef. In che direzione stiamo andando? Le presentatrici ne hanno parlato con chi ha fatto del racconto del cibo una professione, tra tv e social media.

Tra gli ospiti, i volti più noti della TV, come Tommaso Foglia (giudice di Bake Off Italia su Real Time), Sonia Peronaci (cuoca, scrittrice, conduttrice televisiva, fondatrice del sito internet di cucina Giallo Zafferano), Samanta Cornaviera (oltre a curare il suo blog, scrive per La cucina italiana e per il canale del gruppo RCS, LeiTv ha preso parte alla realizzazione della serie web “Massaie Moderne”), Verdiana Ramina (dietista da più di 20 anni, si occupa di svezzamento, alimentazione complementare e di benessere delle famiglie) e Stella Bellomo (autorità nel campo del green living).

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • Ore 17.00 – Cucina, critici & Co. con Roberta Schira e Anna Prandoni

In Cucina, critici & Co., Anna Prandoni ha dialogato anche con Roberta Schira (critica gastronomica, psicologa del gusto, scrittrice e giornalista) sul tema della critica gastronomica.

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • Ore 18.00 – I Falsi miti: tra cultura e scienza, con Alberto Grandi, Daniele Paci e Giulia Salis

Alberto Grandi, invece, è stato il grande protagonista dell’incontro I Falsi miti: tra cultura e scienza, in cui ha provato a sfatare credenze e miti sulla tavola. Professore associato all’Università di Parma. Insegna Storia delle imprese, Storia dell’integrazione europea e ha insegnato Storia economica e Storia dell’alimentazione. È autore di circa una quarantina di saggi e monografie in Italia e all’estero.

Al suo fianco, anche Daniele Paci, agronomo di professione che realizza contenuti di qualità per aiutare i consumatori a mangiare meglio e in maniera più sana. A moderare l’incontro Giulia Salis, conduttrice e food writer.

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • Ore 18.00 – Location storiche cittadine (LIBER, Nuovo Teatro, Museo della Ceramica)

C’è stato infine anche il tempo di brindare con le bollicine e i vini del territorio: per gustare e comprendere. Ogni degustazione è stata condotta da enologi e giornalisti di settore, ed è stata preceduta da una visita guidata delle grandi sale storiche della città.

  • Liber, Il Museo della Stampa (Piazza D’Armi 2/E, Mondovì)

Etichette d’autore con Giambattista Marchetto (giornalista) ed Eugenia Torelli (autrice)

  • Nuovo Teatro (Via delle Scuole 37, Mondovì)

Vini che fanno la storia, con Andrea Moser

  • Museo della Ceramica (Piazza Maggiore 1, Mondovì)

Il vino a tavola: un matrimonio d’amore, con Samanta Cornaviera e Adua Villa (volto noto della televisione italiana, sommelier e consulente enogastronoma)

  • Ore 20.00 – A teatro con Arianna Porcelli Safonov

Scrittrice, comica, performer, ha 40 anni, è nata a Roma, ha vissuto a New York e Madrid. Un giorno, all’improvviso, ha scelto di trasferirsi in un borgo di venti anime all’incrocio fra Liguria, Lombardia, Piemonte ed Emilia. A Mondovì ha presentato la sua personalissima lettura del fenomeno enologico “I vini naturali”.

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

PROGRAMMA – 29 Ottobre 

  • Dalle ore 15.00 alle 17.00 – Impara il vino con Andrea e Luca Moser 

Uno spazio pensato per imparare a conoscere il mondo del vino: a ogni ora è stato possibile fare una esperienza diretta di degorgement (in italiano sboccatura, tecnica utilizzata nella produzione di vini spumanti metodo classico) e una degustazione guidata per scoprire il mondo delle bollicine e dei vini del territorio, insieme ad esperti del settore ed enologi. A cura di Andrea Moser.

Dove: Portici Sottani (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • Ore 15.00 – Dialoghi di vino con Giuseppe Caviola, Andrea Moser e Anna Prandoni 

Qual è lo stato dell’arte del mondo del vino italiano? A che punto si trova? In scena un confronto coinvolgente e serrato in cui a dialogare sono stati Anna Prandoni, Andrea Moser e Giuseppe Caviola (enologo e proprietario dell’omonima cantina).

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • Ore 16.00 – Vino e territorio 

Come si può raccontare un territorio? Discussione sulle buone pratiche di narrazione per le destinazioni turistiche e sviluppo del territorio in armonia con le vigne.

Hanno dialogato con Anna Prandoni: Adua Villa, Roberta Ceretto (Presidente e Responsabile comunicazione dell’Azienda vitivinicola Ceretto), Giancarlo Gariglio (Autore e curatore di numerosi titoli di Slow Food editore tra i quali “Easy Wine”, “Le Migliori 100 Bollicine d’Italia”), Antonio Costamagna (Ceo Cantine Bonaparte), Nicoletta Bocca (San Fereolo, vignaioli in Dogliani), Barbara Franco (Proprietaria di Palazzo Fauzone Relais).

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • Ore 17.00 – Racconti di cibo 

Qual è il rapporto tra il mondo dell’editoria e quello del cibo? I libri servono ancora? Un momento dedicato a chiacchierare con chi tra libri e cibo trascorre le sue giornate. Hanno dialogato con Anna Prandoni: Sara Vitali (scrittrice), Marisa Passera (conduttrice televisiva e radiofonica), Andrea Mattasoglio (Food Designer & Content Creator), Massimo Pellegrino (Direttore Tecnico, Responsabile iniziative speciali, Direttore operativo del Gruppo Editoriale Feltrinelli, Direttore editoriale di Gribaudo).

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • Ore 18.00 – Cibo = Sostenibilità?

Il cibo e il vino per molti aspetti sono causa della crisi ambientale. Ma guardando le cose sotto un altro punto di vista possono diventare il volano per un mondo più sostenibile. Quanto la tradizione può essere sostenibile? In un mondo che guarda sempre più a fonti alternative al cibo classico, come si pone lo sguardo dei produttori nei confronti del futuro e del pianeta? Come può diventare il cibo da causa a soluzione per un maggior rispetto del pianeta e del suo stato sociale ed economico?

Hanno dialogato con Anna Prandoni e Giulia Salis: Marco Poggianella (Co-fondatore e Ceo di SOP acronimo di Save Our Planet), Serena Milano (Responsabile Fondazione Slow Food per la Biodiversità presso Slow Food), Alessio Cicchini (Food Specialist e Content Creator di @rucoolaaa), Roberto Valbuzzi (cuoco, conduttore televisivo, giudice televisivo di Cortesie per gli ospiti).

Dove: Circolo di Lettura (Piazza Maggiore, Mondovì)

  • Ore 18.00 – Location storiche cittadine

Anche la domenica, c’è stato il tempo di brindare con le bollicine e i vini del territorio: per gustare e comprendere. Ogni degustazione è stata condotta da enologi e giornalisti di settore, ed è stata preceduta da una visita guidata delle grandi sale storiche della città.

  • Liber, Il Museo della Stampa (Piazza D’Armi 2/E, Mondovì)

Etichette d’autore con Giambattista Marchetto (giornalista) ed Eugenia Torelli (autrice)

  • Nuovo Teatro (Via delle Scuole 37, Mondovì)

Vini che fanno la storia, con Andrea Moser

  • Museo della Ceramica (Piazza Maggiore 1, Mondovì)

Il vino a tavola: un matrimonio d’amore, con Samanta Cornaviera e Adua Villa (volto noto della televisione italiana, sommelier e consulente enogastronoma)

PECCATI DI GOLA & XXV FIERA REGIONALE DEL TARTUFO

In concomitanza con i Colori delle alt(r)e Langhe, dal 28 ottobre al 1° novembre, nel palinsesto di Calici&Forchette si è tenuto anche Peccati di Gola, l’evento dedicato alle eccellenze enogastronomiche del territorio monregalese e cuneese. Il confermato format si è sviluppato nelle strade e nelle piazze di Mondovì Breo, in più aree tematiche.

Nell’Expo del Gusto sono state ospitate le eccellenze enogastronomiche: Cibo di Strada Gourmet ha riunito tutti i migliori street food e i brand di birra artigianale, Casa Slow Food è stato un centro culturale enogastronomico e Piazza Santa Maria Maggiore si è popolata di Osterie della Tradizione ed Enoteche dei Golosi. La XXV Fiera Regionale del Tartufo ha visto invece protagonisti i trifolao, il Centr

Previous articleManovra, Salvini “Su pensioni nessun peggioramento”
Next articleFs, Ferraris “Bilancio positivo per progetto con Dap per i detenuti”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here